Cerca in Dada Pasticciona

domenica 18 novembre 2012

RECITA DI NATALE " Un bambino di nome Giotto".


Viste le molte richieste eccovi finalmente accontentati!


MUSICA di sottofondo: "Lezioni di piano"

NARRATORE: Ogni mattina il piccolo Giotto porta al pascolo il gregge di suo padre. Un giorno camminava distratto pensando a un desiderio che avrebbe voluto tanto realizzare.
Al pascolo, invece di sorvegliare ii gregge, Giotto passa il tempo a disegnare su tutto ciò che trova sulle pietre chiare, sulle pietre scure, sulla sabbia ...peccato che basti la pioggia o il vento a portarli via...
Disegna finché sente in lontananza le campane suonare, allora si affretta a radunare le pecore
GIOTTO: Su presto, venite! (RADUNA LE PECORE, UNA SCAPPA)
NARRATORE: Messer Bondone suo padre, ogni sera aspetta il suo ritorno e conta le pecore.
MESSER BONDONE: (CONTA LE PECORE) Ne manca una! Proprio oggi che non possO andare a cercarla. C'è festa grande in paese. Tu però non verrai: rimarrai a casa in punizione.
NARRATORE: Giotto non è triste per la punizione, ma per aver perso un agnellino.
All'improvviso sente delle voci; curioso si affaccia alla finestra. Vede tanta gente in processione e
riamane incantato da un bellissimo dipinto.
(PROCESSIONE CON ICONA)
GIOTTO: Chi l'avrà disegnata? e come ha fatto?
NARRATORE: E' così forte la sua curiosità che disobbedisce al padre, esce di casa e segue il pittore del
quadro, Cimabue, nella sua bottega.
GIOTTO: (BATTE SULLA SPALLA DI CIMABUE) Signor Cimabue?
CIMABUE: Entra, non aver paura!
NARRATORE: Giotto svela a Cimabue il suo desiderio più grande
GIOTTO: Io sono solo un pastorello ma vorrei diventare un pittore.
NARRATORE: Allora Cimabue gli svela i suoi segreti per fare i colori.
CIMABUE: Prendi delle polveri colorate, mettile in un mortaio con un pò d'acqua e un tuorlo
d'uovo. Così nè la pioggia né il vento potrà portare via i tuoi disegni.
NARRATORE: Il pittore Cimabue gli regala un pò delle sue polveri colorate.
Il giorno dopo al pascolo il piccolo Giotto dipinge con tanta foga che si dimentica di cercare l'agnellino smarrito. (GIOTTO DIPINGE UNA PECORA SU DI UN SASSO). Comincia a imbrunire e Giotto si accorge di aver fatto tardi.
GIOTTO: Questa sera il babbo si arrabbierà di nuovo!
MESSER BONDONE: Ora andrò a cercare quel birichino! Giotto, Giotto!
NARRATORE: Giotto ha paura di essere sgridato e si nasconde. Ma poi sente altri passi, un'altra voce e suo padre che esclama. (VEDE LA PECORA DIPINTA)
MESSER BONDONE (RIVOLTO A CIMABUE CHE E' CON LUI): E' incredibile! L'agnellino è qui. E sembra riconoscere sua madre nel vostro dipinto sulla roccia!
CIMABUE: Purtroppo non l'ho fatto io. Ma riconosco i colori che ho dato ieri a un pastorello. Se è vostro figlio, vorrei parlavi di lui.
NARRATORE: Quella sera Cimabue chiese ai genitori del piccolo Giotto di far andare il figlio a Firenze
nella sua bottega.
CIMABUE: Vi prego lasciatelo venire in bottega da me
MAMMA: Ma è ancora così piccolo!
MESSER BONDONE: E deve badare alle pecore!
CIMABUE: Ma i suoi disegni sono bellissimi e con me potrà imparare tante cose!
MESSER BONDONE: Però ha ragione sua madre, è ancora troppo piccolo, ha solo 8 anni!
MAMMA: Ve lo manderemo quando sarà un pò più grandicello e sono sicura che diventerà bravissimo
NARRATORE: Quando diventò grande, Giotto partì per Firenze e divenne così un grande pittore, famoso in
molti paesi.
Così Giotto ci ha raccontato con i suoi affreschi il Santo Natale...

SI CHIUDE IL SIPARIO

BALLETTO   ANGELI   3   ANNI

NARRATORE: Nel sesto mese l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città chiamata Nazareth da una fanciulla promessa sposa di un uomo di nome Giuseppe. La fanciulla si chiamava Maria. Entrando da lei disse:
ARCANGELO GABRIELE: Ave o Maria, il Signore è con te.
NARRATORE: A queste parole ella rimase turbata e si sentì confusa domandandosi che senso avesse quel
saluto. L'angelo la rassicurò:
ARCANGELO GABRIELE: Non aver paura, Maria. Tu diventerai madre di un figlio e lo chiamerai Gesù
NARRATORE: Allora Maria disse all'angelo
MARIA: Com'è possibile? Non ho marito!
NARRATORE: Le rispose l'angelo
ARCANGELO GABRIELE: Tutto è possibile per il nostro Signore: il tuo bambino sarà il Figlio di Dio
NARRATORE: Allora Maria disse
MARIA : Eccomi sono la serva del Signore, Dio faccia di me ciò che vuole.

INCONTRO FRA MARIA E ELISABETTA

NARRATORE: In quei giorni Maria si mise in viaggio e raggiunse sua cugina Elisabetta
(SI SALUTANO ABBRACCIANDOSI) Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria il bambino le sussultò nel grembo, Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò:
ELISABETTA : Benedetta tu sei fra le donne e benedetto ìl bimbo che porti in grembo!
Come mai vieni a trovarmi? Appena mi hai salutato il mio bambino mi ha dato un calcetto (SI METTE UNA MANO SULLA PANCIA)
NARRATORE: Allora Maria cantò.

CANTO DEL "MAGNIFICAT "

(ENTRANO MARIA E GIUSEPPE)

NARRATORE: In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento per contare la popolazione del suo regno, andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe andò a farsi registrare a Betlemme insieme con Maria sua sposa, che era incinta.
(MIMARE I 2 IN VIAGGIO)
I due sposi giunsero a Betlemme quando ormai era sera e Giuseppe si affrettò cercare un posto per
trascorrere la notte
GIUSEPPE: Andiamo a cercare un posto per dormire stanotte!

(DAVANTI ALLA LOCANDA)
GIUSEPPE: Volete darci un alloggio?
LOCANDIERE 1: Mi dispiace ma è tutto pieno, andate a cercare da un'altra parte
GIUSEPPE: Per carità! Un letto per noi, mia moglie sta per avere un bambino!
LOCANDIERE 2: Dovevate arrivare prima!
LOCANDIERE 3: Certo quella giovane donna che aspetta un bambino ha già sofferto tante
freddo. Riusciremo sicuramente a trovarle un posticino. Venite
LOCANDIERE 2: Questa è la stalla, ma una volta pulita sarà comodissima.
SI SISTEMANO PER LA NATIVITÀ' (MARIA SI "TOGLIE" LA PANCIA)
NARRATORE: In un silenzio carico di mistero nacque Gesù, il Salvatore. Maria avvolse il suo bambino in fasce e lo depose nella mangiatoia.

CANTO: Tu scendi dalle stelle
O
CANTO: "Dormi bel bambino"

SCENA DEI PASTORI

NARRATORE: Intorno a Betlemme alcuni pastori passavano la notte facendo la guardia al gregge.
PASTORE 1: Sentite? Dei rumori! Io ho un pò paura!
PASTORE 2: E' tutto buio, non c'è neppure la luna!
PASTORE 3: Ma guardate come sono belle le stelle!

BALLETTO Angeli   4 ANNI

NARRATORE: Alcuni angeli del Signore si presentarono davanti a loro e dissero:
ANGELO 1: Non temete vi portiamo una lieta notizia: stanotte è nato Gesù, il Salvatore!
ANGELO 2: Andate, seguite la stella e lo troverete in una mangiatoia avvolto in fasce

(ENTRA IN SCENA UNA BIMBA VESTITA DA STELLA COMETA)

ANGELI IN CORO: Gloria a Dio nell'alto dei cicli e pace a tutti gli uomini che ama!
PASTORE 4: Sbrighiamoci, andiamo a vedere!
PASTORE 5: Si, e portiamo i nostri doni!

LA STELLA COMETA GUIDA I PASTORI ALLA CAPANNA

SCENA DEI MAGI

NARRATORE: Frattanto nel lontano oriente 3 uomini saggi avevano osservato per tanti giorni la stella che lasciava nel ciclo una lunga scia. Capirono che era un segno speciale e così si misero in cammino, una regale carovana che seguendo la scia della stella, attraversò deserti e valli fino ad arrivare a Gerusalemme.

CANTO: "I bambini di Betlemme"

I RE MAGI ARRIVANO DA ERODE SEGUENDO LA COMETA
RE MAGI:   Dov'è il re dei Giudei appena nato?
NARRATORE: Erode non era misericordioso e la cattiveria gli riempiva il cuore. La parola re lo fece arrabbiare ma disse
ERODE: E' a Betlemme che dovete cercare il bambino: appena lo troverete tornate da me che voglio andare anch'io ad adorarlo
STELLA COMETA: Ora li guiderò con la mia luce fino alla grotta
NARRATORE: Raggiunta Betlemme la stella si fermò sulla casa in cui Giuseppe e Maria accudivano al loro bambino Gesù. I Magi gli offrirono i doni.
RE MAGIO 1: Io ti porto il prezioso oro, segno della tua regalità.
RE MAGIO 2:io ti porto l'incenso, segno della tua divinità.
RE MAGIO 3: io ti porto la mirra, segno della tua umanità.

NARRATORE: Avvertiti in sogno da un angelo del Signore che disse loro di non tornare da Erode perché voleva uccidere Gesù, i Re Magi ritornarono nella loro terra d'oriente. (SCENA MIMATA)

IN MEZZO ALLA SCENA MARIA E GIUSEPPE E GESÙ' CRESCIUTO

NARRATORE: Anche Giuseppe fu avvertito in sogno da un angelo e portò la sua famiglia in Egitto: Gesù cresceva, mentre Giuseppe faceva il suo lavoro di falegname e Maria lo curava con un amore speciale, quello che tutte le mamme hanno per i loro bambini.

CANTO  "Caro Gesù ti scrivo"

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email