Cerca in Dada Pasticciona

lunedì 24 dicembre 2012

BUONE FESTE!!!

L'anno sta finendo e siamo in tempi di bilanci, considerazioni e propositi per quello che verrà.

Io, per me, non chiedo nulla di più di quello che ho, ma vorrei tanto che le persone che soffrono potessero trovare sollievo, pace e serenità. 
Un pensiero particolare lo rivolgo ai bimbi terremotati dell'Emilia ed alle loro famiglie, che pare non facciano più notizia.


Vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno seguita, mi hanno scritto e si sono confrontati con me, non smetterò mai di dirvi che siete fonte di ispirazione e stimolo a continuare.

Auguro ad ognuno di voi di trascorrere delle feste serene, vicino alle persone che vi sono care e di vivere momenti felici che andranno a far parte del vostro album di ricordi più cari...

A presto!!!






domenica 2 dicembre 2012

Gli angeli di Natale: percorso per l'Avvento e recita



"Tra il cielo e la terra corrono lievi e luminosi gli angeli, i messaggeri di Dio. Tante sono le imprese che hanno compiuto dall'alba dei tempi, ma ovunque siano, qualunque sia la loro missione, c'è un attimo della loro eternità in cui tutto si ferma: è quando scocca la mezzanotte del 24 dicembre. E' in quel preciso momento che lassù nel cielo queste impalpabili creature fatte di gioia e di bontà si mescolano alle stelle e si ritrovano per ricordare la più bella delle storie, in cui tanti di loro furono protagonisti…" (da "Gli angeli di Natale" ed. Paoline)


Il Natale è una festa molto attesa e desiderata dai bambini, ma molto spesso la pubblicità, le vetrine dei negozi, le luci colorate…ne privilegiano solo l'aspetto consumistico ed edonistico a scapito di quello spirito gioioso di trepidante attesa per un mistero che si sta per svelare…
Abbiamo così pensato di introdurre i bambini allo spirito natalizio attraverso un cammino lento e progressivo avvalendoci di narratori speciali: gli angeli.
Gli angeli affascinano molto i bambini, spesso le nostre preghiere a scuola sono rivolte a loro, ogni bimbo sa di avere un proprio angioletto custode, un amico speciale che lo tiene sempre per mano e lo aiuta proteggendolo…

Ogni settimana, per quattro settimane, incontreremo un angelo che ci porterà un impegno per preparare il nostro cuore alla nascita di Gesù!


E così un giorno arriva a scuola un angelo blu, che porta silenzio e pace, perché solo così possiamo accorgerci dell'evento che si sta preparando. L'angioletto dona ad ogni bimbo delle piume, simbolo del silenzio. I bambini decidono così di impegnarsi a giocare più in silenzio, evitando di urlare e litigare per fare felice l'angioletto blu.



Ad ogni bambino viene data la riproduzione di un quadro di Raffaello
così possono ricordare l'esperienza.
L'angelo viene colorato di blu e le piume incollate sulle ali dell'angelo.
La seconda settimana di avvento arriva a scuola un angelo rosso con un cestino vuoto intessuto con i raggi del sole, è molto delicato "con che cosa possiamo riempirlo?". Decidiamo insieme ai bambini di metterci le cose più belle che abbiamo dentro al nostro cuore…

A ricordo della giornata l'angelo regala ad ogni bimbo tanti cuoricini...

...che verranno incollati sull'angelo rosso ritratto da ognuno di loro.

Abbiamo raccolto in un cartellone parole e disegni
delle cose più belle che abbiamo nel cuore

La terza settimana arriva un angelo bianco che porta i raggi del sole per riscaldare tutti i cuori… e così decidiamo di essere più gentili con le persone che ci sono vicine e anche con i compagni con cui giochiamo di meno…
A tale scopo giochi e attività di gruppo saranno peculiari di questo periodo…

L'angelo bianco dona ad ogni bambino alcuni raggi di sole
a ricordo dell'esperienza  ogni bimbo realizza un angelo bianco 
che decora con i raggi di sole
L'ultima settimana arriva a trovarci un angelo viola che porta delle dolci melodie che risvegliano la natura e ci ricordano che presto nascerà Gesù…


L'angelo regala ad ogni bambino delle note musicali da attaccare al proprio disegno,
per ricordare il momento bello vissuto insieme e la dolce canzone ascoltata.
E questi sono gli angioletti che ogni bimbo ha realizzato come dono per i propri cari.
Abbiamo colorato un bicchiere di polistirolo, le ali sono le mani dei bimbi stampate...

Ed alla fine abbiamo messo in scena la recita che trovate qui:
http://dadapasticciona.blogspot.it/2012/12/recita-gli-angeli-di-natale.html


Recita: "Gli angeli di Natale"

Ecco la recita collegata al percorso che trovate QUI


APERTURA SIPARIO
BALLETTO ANGELI 4 ANNI

Narratore: TRA IL CIELO E LA TERRA CORRONO LIEVI E LUMINOSI GLI ANGELI, I MESSAGGERI DI DIO. TANTE SONO LE IMPRESE CHE HANNO COMPIUTO, MA C'E' UN ATTIMO DELLA LORO ETERNITA' IN CUI TUTTO SI FERMA: E' QUANDO SCOCCA LA MEZZANOTTE DEL 24 DICEMBRE.
LASSU' NEL CIELO QUELLE CREATURE FATTE DI GIOIA E BONTA' SI MESCOLANO ALLE STELLE E SI RITROVANO PER RICORDARE LA PIU' BELLA DELLE STORIE.

CANTO: "Siamo Angeli"

Narratore: MA TUTTO INIZIO' NOVE MESI PRIMA… A GABRIELE, L'ARCANGELO, IL COMPITO DI INIZIARE.

ANGELO 1 GABRIELE: L'ho osservata a lungo prima di parlare con lei. Era bella Maria quando giocava con le sue amiche.
AMICA 1: Maria vieni a giocare con noi?
AMICA 2: Sì, che bello!
AMICA 3: Evviva!

(Maria si avvicina fanno un girotondo)

AMICA 1: Amiche prendetemi!      (Escono le amiche, MARIA rimane in scena ed arriva Giuseppe, passeggiano)

ANGELO 1 GABRIELE: Poi l'ho vista mentre si è fidanzata con un uomo buono, un falegname di nome Giuseppe. (Giuseppe accompagna Maria a casa, Gabriele la raggiunge)

Narratore: GABRIELE RAGGIUNSE MARIA NELLA SUA STANZA FATTA DI NIENTE.PETTINAVA I SUOI LUNGHI CAPELLI NERI.

ANGELO 1 GABRIELE: Ave o Maria!
MARIA: Chi sei, creatura di luce?
ANGELO 1 GABRIELE:Sono Gabriele, il messaggero di Dio. Lui ti ha scelta per un compito speciale.
MARIA: Parla, dimmi che cosa mi chiede il mio Dio
ANGELO 1 GABRIELE: Egli ti chiede di essere la mamma di Gesù.
MARIA: Perché proprio io? Ma come è possibile!
ANGELO 1 GABRIELE: Tutto è possibile per il nostro Signore. E' stato per il suo volere che anche la tua anziana cugina aspetta un bambino. Dunque cosa rispondi?
MARIA: Sia fatta la sua volontà! (Maria china il capo, si inginocchia, l'angelo le offre il giglio e si allontana)

Narratore: MARIA RIMASE IN SILENZIO, COME INVASA DA QUELL'ANNUNCIO TANTO IMMENSO, NON ERA PIU' LA BAMBINA DI POCHI MINUTI PRIMA, ERA LA MADRE DEL SALVATORE DEL MONDO.

ANGELO 1 GABRIELE: continuavo a vegliare su di lei. Anche quando partì per raggiungere la cugina.

Narratore: MARIA NON AVEVA FATTO SAPERE NULLA DEL SUO ARRIVO, MA ERA COME SE ELISABETTA L'ASPETTASSE.

MARIA: Come sono felice di vederti!

Narratore: ALLE PAROLE DI MARIA IL BIMBO DI ELISABETTA DIEDE UN CALCETTO ALLA PANCIA DELLA SUA MAMMA (Elisabetta porta la mano alla pancia)

ELISABETTA: Benedetta sei tu fra le donne e Benedetto il bimbo che porti in grembo, abbiamo tante cose da raccontarci, vieni Maria, entriamo in casa.

(Escono di scena )


Narratore: MARIA ERA APPENA TORNATA DALLA GIUDEA. GIUSEPPE LE CORSE INCONTRO PER ABBRACCIARLA E SI ACCORSE SUBITO CHE ASPETTAVA UN BAMBINO DI CUI NON ERA IL PADRE, MA TENNE QUESTA SCOPERTA PER SE'.
VENNE LA NOTTE

 BALLETTO STELLINE 3 ANNI  

Narratore: MENTRE GIUSEPPE DORMIVA E SI AGITAVA NEL SONNO… (Giuseppe inizia ad agitarsi.)

ANGELO 2: Ora tocca a me, devo rassicurare Giuseppe. (Si avvicina a Giuseppe e lo accarezza)
Non preoccuparti più, il figlio che attende Maria è volontà del Signore, a te il compito di accogliere Maria come tua sposa e proteggere suo figlio, che chiamerai Gesù.

Narratore: COSI' FECE, SENZA PERMETTERE PIU' AI DUBBI DI GETTARE OMBRE SUL SUO CUORE. IN QUEI GIORNI ACCADDE CHE USCISSE UN DECRETO DA PARTE DI CESARE AUGUSTO AFFINCHE' SI FACESSE UN CENSIMENTO

SOLDATO 1: Udite popolo!!! (suono tamburo)
SOLDATO 2: Udite popolo!!! (suono tamburo)
SOLDATO 3: Per ordine dell'imperatore dovete andare nella vostra città di nascita per registrare il nome.  (Escono i centurioni)

Narratore:GIUSEPPE PARTI' CON MARIA ED IL SUO ROTONDO PANCIONE A CAVALLO DI UN ASINELLO PER IL LUNGO VIAGGIO VERSO BETLEMME.

CANTO: "Andare a Betlemme"  (Giuseppe e Maria di lato fingono di viaggiare)

ANGELO 3: Io li seguivo dall'alto, quando vidi Maria sussurrare all'orecchio di Giuseppe che il bambino stava per nascere. Giuseppe allora corse alla porta di una locanda.
GIUSEPPE: Per carità un letto per noi, mia moglie sta per partorire!
LOCANDIERE 1: Mi dispiace, è tutto pieno, non posso proprio aiutarvi, provate a sentire nella locanda qui vicino, forse hanno ancora un posto.

Narratore: TUTTE LE LOCANDE ERANO PIENE, GIUSEPPE E MARIA FECERO UN ULTIMO TENTATIVO.

LOCANDIERE 2: Non c'è più posto ma se vi accontentate dietro quella curva troverete una stalla. Non è molto ma c'è della paglia e una mangiatoia.
(Giuseppe e Maria si incamminano ed escono)

Narratore: POI SI SENTI' IL PRIMO VAGITO

SFILATA ANGELI/STELLINE

 CANTO: "Gloria, gloria in cielo"

ANGELO 3: Gloria a Dio nell'alto dei cieli e pace in terra agli uomini che ama. Oggi è nato per voi il salvatore, un bimbo avvolto in fasce in una mangiatoia. Seguite la stella e lo troverete
PASTORE 1: presto andiamo a vedere il nostro Salvatore
PASTORE 2: si, portiamo i nostri doni per renderGli grazia!
PASTORE 3: presto, seguiamo la stella cometa come ci ha detto l'angelo! (verso la capanna)

ANGELO 4: C'ero io ad attendere i pastori vicino al piccolo Gesù, perché tutti i bambini hanno un angelo custode!

BALLETTO PASTORI 4/5 ANNI

Narratore: TRE UOMINI SAGGI E POTENTI AVEVANO OSSERVATO PER TANTI GIORNI LA STELLA CHE LASCIAVA NEL CIELO UNA LUNGA SCIA. CAPIRONO CHE ERA UN SEGNO SPECIALE E COSI' SI MISERO IN VIAGGIO, ATTRAVERSANDO DESERTI E VALLI FINO AD ARRIVARE A GERUSALEMME.

MAGIO 1: Siamo giunti da molto lontano
MAGIO 2: Abbiamo seguito la stella che ci ha portati qui
MAGIO 3: Dov'è il Re dei Giudei appena nato?

ERODE NON ERA MISERICORDIOSO E LA CATTIVERIA GLI RIEMPIVA IL CUORE… LA PAROLA RE LO FECE ARRABBIARE, MA DISSE

ERODE: E' a Betlemme quando lo trovate tornate a dirmi dov'è.

IL RE FINSE DI VOLER ADORARE ANCHE LUI GESU', MA AVEVA BEN ALTRI PROGETTI IN MENTE…

ANGELO 5 STELLA COMETA: Mi chiamano Stella, forse perché risplendo come una stella, ma sono anch'io un angelo. Seguitemi, vi farò strada io con la mia luce.


MAGIO 1: Io ti porto il prezioso oro simbolo di ogni sovrano
MAGIO 2:  Io ti porto l'incenso, il profumo dello spirito e della preghiera
MAGIO 3: Io ti porto la mirra, l'unguento per il corpo.

Narratore: PRIMA DI RIMETTERSI IN VIAGGIO I RE MAGI SI CONCESSERO UNA NOTTE DI RIPOSO. FU ALLORA CHE COMPARVE LORO IN SONNO UN ANGELO

(TUTTI DORMONO, angelo 6 si avvicina ai re magi sdraiati a terra)

ANGELO 6: Non andate da Erode, perché vuole uccidere Gesù
MAGIO 1: Su presto torniamo a casa senza passare da Gerusalemme
MAGIO 2: Si, non fermiamoci da Erode
MAGIO 3: Erode ci ha imbrogliati, vuole fare del male a Gesù e noi non gli diremo mai dov'è il Bambino. (escono)

Narratore: MA NON SAREBBE BASTATO QUEL GESTO PER SALVARE GESU'. I DISEGNI DI DIO SONO COSI' IMMENSI CHE SPESSO GLI UOMINI NON RIESCONO A COMPRENDERLI.

( l'angelo 7 si avvicina a Giuseppe a terra)

ANGELO 7: Alzati, prendi Maria  e il bambino e portali in salvo in Egitto, Erode lo sta cercando ovunque e lo farà uccidere! ( i tre partono)

Narratore: NON RIMANEVA CHE ASPETTARE IL GIUSTO TEMPO. L'ANGELO VEGLIO' SU GESU' CHE CRESCEVA , MARRIA LO CURAVA CON UN AMORE SPECIALE , QUELLO CHE TUTTE LE MAMME HANNO PER I LORO BAMBINI E GIUSEPPE FACEVA IL SUO LAVORO DI FALEGNAME.

GESU' DA RAGAZZINO: papà, posso aiutarti?
GIUSEPPE: oh si, tieni quest'asse
MARIA: Il pranzo è pronto (Mangiano e si addormentano)

Narratore: FIN QUANDO FU IL MOMENTO DI UN ULTIMO SOGNO PER GIUSEPPE…

ANGELO 7:  il re cattivo è morto, puoi tornare con la tua famiglia nella tua terra!
GIUSEPPE: Maria, Gesù, svegliatevi, possiamo ritornare a casa!
GESU' DA RAGAZZINO: Che bello!

Narratore:E LA STORIA RIPARTI' DOVE ERA COMINCIATA, NELLA CITTA' DI NAZARETH,
LADDOVE C'E' UN PRESEPE, UN BAMBINO CHE NASCE, UNA CANDELA ACCESA, SE TI METTI IN ASCOLTO PUOI SENTIRE IL RACCONTO DEGLI ANGELI. A VOLTE CAMBIANO LE PAROLE… MA IL MESSAGGIO E' SEMPRE LO STESSO

TUTTI GLI ANGELI INSIEME: E' NATO GESU'!!!

SIPARIO SISTEMARE PANCHINE

CANTO: "Orchestra celeste"

 CANTO"Batti le ali"



Autunno pittore, lavori ispirati da grandi artisti: Caravaggio e la "Canestra di frutta"

Un giorno a scuola abbiamo trovato il nostro Spaventapasseri Curioso http://dadapasticciona.blogspot.it/2012/11/le-stagioni-con-lo-spaventapasseri.html
che ci aveva portato una bellissima sorpresa, un cesto pieno di frutta autunnale e la foto di un quadro. questo regalo ci ha accompagnato in un percorso di osservazione della frutta e verdura autunnale che ha impegnato molte delle nostre giornate, ma che qui, per sintesi, vi racconterò brevemente e in un'unica soluzione.

"Canestra di frutta" di Caravaggio
La nostra canestra di frutta, regalataci dallo Spaventapasseri Curioso
Passiamo ad osservarne il contenuto, molti bimbi non avevano mai visto
il baccello dei fagioli e pensavano fosse una salsiccia.
Abbiamo tagliato frutta e verdura per osservarla meglio e poi l'abbiamo stampata.
Per realizzare la forma del cestino abbiamo colorato e stampato
metà piatto di plastica.
Ed ecco i nostri Caravaggio!!!
Foto di un momento di gioco libero, i bimbi hanno a disposizione la frutta
e la verdura che possono osservare liberamente utilizzando le lenti .
 L'uva, integrata nei giorni successivi, è stata assaggiata, osservata e schiacciata per produrre un buonissimo succo che poi i bimbi hanno portato a casa.

Abbiamo schiacciato l'uva come facevano i nostri nonni...
...ma anche con le manine

A ricordo dell'esperienza ogni bambino ha realizzato un grappolo d'uva colorando e stampando un contenitore per fare il ghiaccio a forma di grappolo. con la loro manina hanno realizzato la foglia e poi hanno incollato carta crespa e carta dei sacchi dell'immondizia colorati dentro ad ogni acino






La zucca ha molto incuriosito i bimbi, ne hanno osservato i semini e i filamenti interni, poi abbiamo deciso di portarla in cucina alla cuoca che ci ha preparato un buonissimo passato e ci ha anche cotto i semini che abbiamo assaggiato molto incuriositi, era tutto buonissimo!!!!












Autunno pittore, lavori ispirati da grandi artisti: Klimt e il suo "Faggeto"

Ecco una piccola rassegna dei lavori che hanno realizzato quest'anno i bimbi di tre anni.

Ispirati dal "Faggeto" di Klimt abbiamo cercato di riprodurlo con tecniche nuove che consentissero soprattutto a noi insegnanti di insegnare ai bimbi la giusta impugnatura delle forbici.


Così inizialmente abbiamo aiutato i bimbi guidandoli nel taglio di un sacchetto di carta (tipo quelli del pane) fino ai due terzi della lunghezza, in tante strisce parallele. La parte non tagliata l'abbiamo stropicciata ed accartocciata per realizzare il tronco e lo stesso abbiamo fatto per le striscioline, che sono diventate i rami.
Se volete il sacchetto può essere fatto colorare su di un lato e una volta asciutto tagliato, in moto che l'albero venga sfumato .

Stropicciamo ed arrotoliamo tronco e rami
Poi attacchiamo il nostro albero su di un foglio colorato
o fatto colorare ai bimbi, vedete un po' voi...
Infine passiamo alla fase più divertente dove con le tempere
aggiungiamo i particolari
E così compaiono nuvole, prato e foglie di tanti colori
Ed ecco il nostro faggeto




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email