Cerca in Dada Pasticciona

lunedì 23 dicembre 2013

Biglietti di auguri con materiale di recupero

Ecco i bigliettini che hanno preparato questo Natale i miei bimbi pasticcioni!
A noi adulti spetta solo il compito di ritagliare dai cartoni delle 7 portauova per bambino e un rettangolo di cartoncino robusto.

Per prima cosa si fanno colorare ad ogni bambino sei gusci portauova con la tempera verde ed uno con quella marrone e si mettono ad asciugare vicino ad un termosifone.
Con gli acquerelli si fa colorare il cartoncino di supporto del biglietto.



Una volta che tutti gli elementi sono asciutti si procede facendo incollare sul cartoncino i gusci portauova in modo da realizzare la forma di un albero. Io per aiutare i bambini a capire come disporre i pezzi ho costruito un alberino di esempio che potessero osservare.
Consigliamo comunque i bambini di partire dal tronco e poi disporre il pezzo subito sopra aggiungendo poi quelli ai lati.





Per facilitare la fase di incollaggio ho messo la colla vinilica in un piatto in modo che i bambini potessero immergervi i gusci portauova.

Infine ho lasciato i bimbi liberi di decorare l'albero con fiocchi, pasta a forma di ruota precedentemente colorata con colore a tempera e glitter, palline glitterate, perline, colla con porporina...




Ed ecco il risultato finale!








Sul retro abbiamo attaccato una parte del testo di una canzone natalizia cantata durante la recita e che i bambini canteranno alla famiglia il giorno di Natale.


sabato 21 dicembre 2013

Decorazioni per l'albero di Natale veloci da realizzare

Ecco i doni che hanno preparato i bimbi quest'anno per le proprie famiglie.
Sono delle semplicissime decorazioni per l'albero di Natale, ma fatte interamente dai bambini, io ho preparato e ritagliato solo i supporti su cui fare il lavoretto.
Chi mi conosce bene sa infatti che non amo due cose: le schede o le fotocopie da colorare e i lavori fatti o completati in modo evidente e stereotipato dalle insegnanti.
So che con queste parole mi inimicherò molte persone, ma il mio blog nasce anche dal desiderio di diffondere un modo di lavorare con i bimbi che li lasci protagonisti del loro fare e che li lasci sperimentare, provare, fare, disfare...

Il processo è più importante del risultato, per dirla in maniera semplice.

“Quando il risultato guida il processo andremo sempre e solo dove siamo già stati.

Se, invece, il processo guida il risultato, potremmo non sapere
dove stiamo andando ma sapremo di essere nella direzione giusta”.
 Bruce Mau,  Incomplete Manifesto for Growth, 1998

Per primo abbiamo realizzato una stella in tema con il percorso dell'Avvento proposto quest'anno ai bambini.
Ogni settimana un bimbo della sezione dei più grandi, vestito da stella, ci ha portato un brano della storia del Vangelo narrata e drammatizzata dai compagni.

Io ho ritagliato tante stelle utilizzando un cartone spesso e robusto, i bambini hanno incollato la pasta e nei giorni successivi hanno colorato con le tempere a cui avevo aggiunto della porporina.



 Poi abbiamo messo un Gesù bambino, avessimo avuto più tempo l'avrei fatto fare ai bimbi con das o tappi di sughero! Sarà per il prossimo anno!
 E la prossima volta vi farò vedere come abbiamo realizzato il biglietto di auguri: un albero di Natale con poesia e gancio per appenderlo!

lunedì 16 dicembre 2013

Decoro invernale per le finestre di facilissima realizzazione!

Volete rendere l'atmosfera della vostra classe più calda?
Non vi resta che decorare le finestre con un po' di neve, scusate l'ossimoro!

Con del feltro bianco abbiamo ritagliato un bordo irregolare, poi tante palline di cotone idrofilo che i bambini hanno realizzato aggiungendovi anche un po' di porporina argentata, per rendere il tutto più luminoso.

Ed il gioco è fatto!

Non vi sembra che sia nevicato davvero?


domenica 15 dicembre 2013

Decoro per la porta natalizio veloce veloce!!!

Quest'anno va di moda decorare le porte della sezione... noi lo abbiamo fatto in modo molto semplice e veloce.



Con dei bicchieri di plastica grandi e piccoli i bambini hanno stampato lo sfondo del cartellone, mentre l'albero l'hanno colorato con i pennelli.



Per realizzare le palline abbiamo fotografato i bambini con un cappello natalizio e poi le abbiamo sagomate ed incollate su delle palline di carta colorate dai bambini.


Per renderlo più splendente abbiamo messo della colla con porporina attorno alle palline e dei piccoli fiocchetti.

Per fare il puntale una stella decorata con popcorn e porporina dorata.

E alla base dell'albero un po' di neve!


venerdì 13 dicembre 2013

13 Dicembre: Santa Lucia, lavoretto veloce veloce

Questa mattina mi sono svegliata molto presto, come al solito del resto, e guardando il calendario mi sono resa conto che eravamo nel giorno di Santa Lucia.

Sono proprio esaurita e presa da mille cose in questo periodo e me l'ero persa per strada!!!
Negli anni precedenti spesso mi è capitato di portare i bambini alla cerimonia della benedizione degli occhi, quest'anno ovviamente non potevo portare i bambini senza aver avvertito preventivamente i genitori e così...

... Che fare? 

Pensa che ti ripensa ho avuto un'idea da realizzare con tutti materiali che sapevo di avere già a scuola nelle mie scatole magiche!

Sono andata quindi a cercare un immagine che ritraesse la Santa da mostrare ai bambini.
Ho utilizzato una scultura realizzata da Wildt che era in mostra l'anno scorso nella nostra città e che forse qualche bambino aveva già visto con i genitori. 

E' molto suggestiva e forte, ma sono dell'idea che i bambini ci fanno meno caso di noi, sono solo curiosi e non si sono per nulla impressionati!
Dico questo perché mi pare di sentire già qualche commento fischiarmi nelle orecchie!

Poi ho riguardato la storia della di Santa Lucia in alcuni libri che avevo a casa  ("Campioni di Dio" e "La vera storia di Santa Lucia") e ne ne ho riadattata una versione di più facile comprensione per i bambini.
"Lucia era una ragazza molto bella che è vissuta tanto tempo fa' a Siracusa. Era promessa sposa ad un giovane molto ricco che adorava i suoi bellissimi occhi. 
Un giorno la mamma di Lucia si ammalò, lei era molto triste e pensò di andare a pregare nella vicina chiesa di Sant'Agata. L'indomani la madre era miracolosamente guarita, allora Lucia decise di dedicare la sua vita ai poveri ed alla Chiesa.
Lasciò il suo promesso sposo e vendette tutte le sue cose per aiutare i poveri.
Il giovane futuro sposo si arrabbiò molto, la fece imprigionare e visto che non riuscì a farle cambiare idea le fece togliere gli occhi in modo che nessun altro potesse avere Lucia... La torturarono fino a farla morire.
 Quando Lucia arrivò alle porte del Paradiso, con un piattino in cui portava i suoi occhi, San Pietro la stava aspettando e, visto il suo sacrificio per la Chiesa, le disse che le avrebbe concesso di esaudirle un desiderio.
Secondo voi bambini cosa ha chiesto Santa Lucia? Di riavere gli occhi? No, chiese semplicemente di poter fare felici i bambini portando loro dei doni.
San Pietro le disse che era un compito molto difficile e faticoso, ma lei volle fare proprio questo, aiutata da un asinello. Così, insieme a San Nicola, Gesù Bambino e i Re Magi porta i doni ai bambini e visto che voi bimbi siete tanti iniziano un po' prima di Natale!!!
 Santa Lucia è davvero speciale, porta la luce sui visi e nei cuori di tanti bambini e tante persone. Oggi la ricordiamo come protettrice degli occhi e della vista. Uno dei simboli che la rappresentano è la candela. Che ne dite di crearne una per ricordarci di lei e ringraziarla per la sua bontà?"
Dopo la narrazione della storia abbiamo creato una candela/contenitore e chissà che Santa Lucia non passi anche da noi mentre la scuola è chiusa!


Un tubo di cartone dipinto, una manina sagomata su un foglio colorato e ritagliata per fare la fiamma, un pirottino e un pò di tempera per fare il cuore della fiamma ed ecco le nostre candeline pronte!!!


E di ritorno a scuola i bimbi troveranno un piccolo dono per loro anche per premiarli per l'impegno profuso nella preparazione di canti e balletti per la recita. La candelina contenitore poi verrà schiacchiata ed inserita nel loro librone dei lavori insieme alla storia di Santa Lucia!!!


 Non potevi fargliela portare a casa? Direte voi? Ma la sorpresa poi come faceva ad arrivare?

giovedì 12 dicembre 2013

Paesaggio invernale materico

Questo paesaggio invernale è stato creato preparando prima di tutto lo sfondo utilizzando la tecnica della carta velina bagnata.
Si ricopre un foglio con pezzi di carta velina, precedentemente strappata, di vari colori. una volta soddisfatti della composizione i bambini vi appoggiano sopra un foglio di carta da cucina bagnato, lo fanno aderire bene e lasciano asciugare il tutto.
Il giorno dopo si rimuove la carta da cucina e i pezzi di carta velina, oramai asciutti.
Si può anche scegliere di lasciare alcuni pezzi di carta velina.
Su questo sfondo poi i bambini hanno creato un albero con la carta stagnola per rendere la sensazione del freddo; la neve a terra è stata fatta con l'ovatta con cui si imbottiscono i cuscini; con il pizzo sono state create le nuvole rarefatte che lasciano cadere la neve ghiacciata realizzata con dei fagioli secchi



Che ne dite, vi piace?
Alla prossima idea!

mercoledì 11 dicembre 2013

Bosco tattile invernale: un tuffo nella neve... anche quando non c'è

L'attività che vi racconto oggi l'abbiamo proposta lo scorso anno con grandissimo divertimento di grandi e piccini!


L'inverno non ci aveva regalato ancora la neve e noi abbiamo risolto in questo modo, poi è caduta anche quella vera, che sia stato merito della fatina delle nevi?

Con l'aiuto dei genitori abbiamo reperito tanto materiale bianco, trasparente ed argento con cui abbiamo creato delle ghirlande da far pendere dal soffitto.

La fatina delle nevi ha accompagnato i bimbi, una musica tranquilla li ha aiutati a mantenere il silenzio ed esplorare i vari materiali attraverso il tatto.

In un secondo momento abbiamo aggiunto una piscina tattile e una tana igloo, il gioco è diventato più movimentato, i bimbi si sono divertiti a lanciarsi la neve, a nascondersi, a sdraiarsi a terra ed osservare tutto dal basso.

Direi proprio che è stata un'esperienza bellissima da riproporre sicuramente. non potrò dimenticare gli sguardi stupiti dei bambini ma anche dei loro genitori quando hanno visto il salone trasformato in un bosco innevato.








martedì 10 dicembre 2013

Albero della vita versione invernale!

Conoscete l'albero della vita di Klimt?
Ecco come lo abbiamo realizzato anni fa nella nostra scuola in versione invernale. Che ne dite?


Basta veramente poco!
I bambini hanno incollato fogli di carta collage su di un cartone rigido. (In alternativa potete farli realizzare dai bambini stessi facendogli dipingere dei fogli con le tempere o gli acquerelli)
Con la carta stagnola hanno poi creato il tronco ed arrotolandola hanno realizzato i rami.
Qualche dischetto di ovatta di quelli per struccarsi e ritagli di pizzi sotto torta ed il gioco è fatto!

lunedì 9 dicembre 2013

Quadretto con la natività veloce da realizzare

Siete alla ricerca di un lavoretto veloce da realizzare e di facile esecuzione?
Ecco un'idea per voi.
Cercate una immagine che vi piace, stampatela, sovrapponetevi sopra un foglio di acetato e con un cutter createvi uno stencil avendo l'avvertenza di lasciare delle parti collegate fra loro.


A parte fate ricoprire ai bambini un pezzo di cartone da imballaggio con colla vinilica per poi tuffarlo capovolto in una scatola contenente sabbia.
Lasciate asciugare e poi applicatevi sopra lo stencil e fate colorare ai bambini utilizzando un piccolo pezzo di spugna. 
Con la tempera oro fate dipingere la cornice, applicate un gancetto ed ecco il quadro è pronto per essere appeso!


Se i bambini sono grandi potete far colorare ogni elemento di un colore diverso.
Con lo stesso stencil potete far realizzare anche dei biglietti di auguri
Buon lavoro!

domenica 8 dicembre 2013

Un libro fatto dai bambini per noi adulti

Oggi voglio parlarvi di un libro molto originale, raccontato ed illustrato dai bambini!

Il suo titolo è "Torta casa Razzo" ed è una raccolta di ricette, molto originale e divertente che ha realizzato Barbara Marelli.


Com'è nata l'idea?
Barbara racconta: "Tutto è iniziato da una raccolta di ricette di famiglia a cui le mie figlie hanno voluto contribuire e, non sapendo ancora scrivere, abbiamo optato per un racconto che io ho trascritto letteralmente, parola per parola e che poi loro hanno illustrato. Così, per un anno circa, ho intervistato bambini dai 3 ai 10 anni e ho raccolto le illustrazioni che facevano delle loro ricette".



L'originalità sta nel fatto che il libro conserva la spontaneità dei bambini attraverso il linguaggio in "bambinese" ed i loro disegni originali e stravaganti!
Barbara ha saputo ascoltare i bambini, dote che va sempre più esaurendosi, e ha lasciato loro lo spazio di reinterpretare le ricette classiche della nonna.
Questi piccoli cuochi in erba hanno saputo dare agli ingredienti una personalità sempre nuova e al gesto di amalgamarli un fascino che noi, forse, dobbiamo riscoprire.
Se acquisterete questo libro, preparatevi a ricche risate ma anche a riscoprire ricette gustose e semplici!
Buona lettura!
maggiori informazioni le trovate qui



sabato 7 dicembre 2013

Albero di Natale ricicloso o riciclato?

Vi ricordate il nostro albero Giovanni, triste per aver perso tutte le foglie?
Ora i bimbi hanno voluto coprirlo per paura che prendesse freddo, ed eccolo trasformato e pronto per il Natale!!! 


Gli abbiamo messo sciarpa e berretto e poi per non farlo sentire triste tanti pacchettini, le lucine colorate e la neve, che i bambini adorano ma che purtroppo non è ancora caduta. Ma non ce ne preoccupiamo perché la nostra scuola è magica e la neve la facciamo cadere ugualmente.



mercoledì 4 dicembre 2013

Presepe Calendario Avvento.

Non so perché, ma siamo sempre di corsa, a rincorrere il tempo che vola veloce e allora abbiamo deciso di realizzare un presepe che fosse allo stesso tempo un calendario dell'Avvento.


L'idea è questa: ogni settimana arriva una stellina che ci racconta quello che ha visto "Sotto al cielo di Betlemme" e per ricordo dona ad ogni bambino una stella del suo colore.

La prima stellina, quella rossa ci ha parlato di quando Maria e Giuseppe si sono fidanzati.

La seconda stella, quella blu, ci ha parlato di quando l'arcangelo Gabriele è andato da Maria e poi da Giuseppe per annunciare la nascita di Gesù.

La terza stellina, quella viola, ci racconterà di quando Maria e Giuseppe sono partiti per Betlemme per il censimento e della nascita di Gesù.

La quarta stellina, la stella cometa, ci parlerà di quando pastori, donne, bambini, contadine ed i Re Magi sono andati alla grotta per vedere il Bambinello.

Le mini scenette sono interpretate e recitate dai bambini di cinque anni per tutti i loro amici.

In classe poi abbiamo iniziato a creare il fondale del nostro presepe con l'intento di inserire, ogni settimana, i personaggi che i nostri compagni più grandi ci facevano conoscere di volta in volta.
Visto che uno dei progetti di quest'anno è quello del riciclo, cosa di meglio che fare un presepio ricicloso creando da soli le nostre statuine assemblando i materiali di recupero?
E così ci siamo messi al lavoro:
Ispirandoci alla "Notte stellata" di Van Gogh e al suo stile a pennellate abbiamo stampato utilizzando timbri a dito e rulli.





Poi abbiamo creato la grotta e le dune di sabbia utilizzando scatole, carta di giornale arrotolata, tubi di cartone e poi ricoprendo il tutto con una tovaglia di carta paglia stropicciata (quest'ultima cosa ha molto divertito i bambini).


Abbiamo poi realizzato le casette utilizzando rotoli di cartone e scatole di sciroppo, pasta che abbiamo aperto e incollato nuovamente ma al contrario, in modo da mettere le scritte all'interno. Poi abbiamo dipinto il tutto con colori tenui.


Una volte asciutte le abbiamo decorate con pennarelli e tappi o gusci di plastica.


Qualche pigna per fare i cespugli...


Abbiamo poi preparato 24 stelle, come i giorni che mancano a Natale, utilizzando una metà dei contenitori porta sorprese degli ovetti di cioccolato decorati con colla e porporina gialla. Fra queste però ne abbiamo creata anche una rossa, una blu e una viola (quelle indicate nel percorso settimanale dell'avvento) ed infine tagliando la restante parte dei gusci porta sorprese abbiamo decorato la stella cometa.


Per contare il passare dei giorni che ci avvicinavano al Natale poi dovevamo attaccare ogni giorno una stellina nel nostro cielo. Dico dovevamo perché i bambini hanno voluto attaccarle tutte subito così il cielo era più bello!!!
Almeno pensavamo che per le statuine volessero aspettare, invece no!
Che fare? Con il materiale di recupero ci sarebbero voluti troppi giorni e... Pensando ad un'idea vista nel web e assecondando il desiderio dei bambini di imitare i compagni più grandi che recitano, li abbiamo vestiti e abbiamo trasformato i bimbi stessi in statuine plastificando le loro fotografie.
Non vi dico la meraviglia, oggi, quando ho portato le foto, le ho plastificate e ritagliate sotto i loro occhioni attenti ed entusiasti ed insieme le abbiamo messe nel nostro presepe.
Non ho mai visto i bimbi così felici ed orgogliosi del risultato ottenuto!








Ora mancano gli ultimi dettagli: le pecorelle, qualche palma, le ochette... a proposito: il bue e l'asinello?
Naturalmente non potevano mancare e così eccoli con il volto di noi dade!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email