Cerca in Dada Pasticciona

giovedì 20 marzo 2014

"Sei folletti nel mio cuore" : le collane sonore delle emozioni! (terza parte)

Le idee arrivano improvvisamente e spesso sono i bambini ad ispirarle!
Durante il pranzo i bambini si divertivano a guardare i folletti e ad imitarne le espressioni sia col viso che con la voce, emettendo vari suoni. 
Qualcuno canticchiava alcune parti dei brani musicali che vi abbiamo associato (le trovi qui).
Allora dopo pranzo ci siamo messi al lavoro ed abbiamo costruito delle collane sonore che ci facessero ricordare le emozioni rappresentate dai folletti!

- Per Gaietto abbiamo utilizzato dei campanellini, perché emettono un suono gioioso;
- Per Tremolino un tamburo realizzato con un barattolino su cui abbiamo fissato con del nastro adesivo un palloncino che va pizzicato e produce un suono che ci fa spaventare;
- Per Stuporello un piccolo cembalo fatto chiudendo dei tappi metallici dentro ad una scatola di plastica traforata;
- Per Scatto un barattolo ricoperto con un palloncino e che contiene biglie, chiodi, monete, agitandolo e pizzicandolo produce un suono forte che ci ha fatto pensare alla rabbia;
- Per Lacrimoso una bottiglia contenente lacrime e porporina azzurra;
- Per Sputacchione del cartoncino ondulato da graffiare e che produce un suono sgradevole
- Per Serenella una bottiglia con campanelli e porporina per creare un suono magico;
- Per la strega Renza Indifferenza un pon pon ricavato da un sacco nero che produce un rumore che non suscita particolari emozioni
- Per il Mago Gelone due contenitori di alluminio contenenti pezzi di plastica per riprodurre un suono "gelido"

I suoni freddi di Mago Gelone
La bottiglia di Serenella
e il pom pom della Strega Renza Indifferenza

Il suono sgradevole di Sputacchione

Ecco il video dell'esperienza:



6 commenti:

  1. Già finito! Ero così presa dall'ascolto e dall'osservare questi bambini che avrei voluto che il filmato non finisse mai... Brava, bravissima!

    RispondiElimina
  2. Grazie maestra Caterina, avevo paura di non riudcire a coprire i volti dei bimbi e quindi quando si sono girati ho interrotto la registrazione, ma a telecamere spente il gioco è continuato a lungo e continua tuttora. Non c'è giorno che i bimbi non si fermino dai folletti. Non so come farò a toglierli, credo che rimarranno li fino a giugno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te che hai condiviso questa straordinaria esperienza. Prendo anch'io il libro di Rosalba Corallo e sicuramente proporrò questo percorso l'anno prossimo. Quante cose si vorrebbero fare...

      Elimina
    2. Queste attività le abbiamo svolte nel pomeriggio. Subito dopo pranzo leggevano il libro in intersezione in salone con la classe dei più grandi, un po' di gioco libero e poi in classe a creare, costruire...

      Elimina
  3. Sei davvero in gamba, complimenti!!!
    Anche io lo scorso anno ho usato quel libro, lavorando sulle emozioni...

    RispondiElimina
  4. Sarei felice di sapere cosa avete fatto, pubblica le foto nel mio gruppo, mi farebbe piacere

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email