Cerca in Dada Pasticciona

martedì 6 settembre 2011

Attività per l'inserimento

Il primo ingresso a scuola è sempre difficile e denso di emozioni contrastanti, sia per i bambini che per i genitori, compito di noi insegnanti è quello di guidarli gradualmente in questo cammino di crescita.
Chi insegna  nella scuola dell'infanzia sa benissimo che i primi giorni di scuola sono i più importanti e difficili: bisogna saper conquistare la fiducia dei genitori; far capir loro che si possono fidare di noi, che i bimbi sono in buone mani e che teniamo al loro benessere; dobbiamo in poco tempo cercare di gettare le basi di "un'alleanza educativa" basata sul rispetto, la sincerità, la stima e la fiducia reciproca, tutto questo mentre si cerca di rendere  accattivante la scuola per i bambini in modo che accettino il distacco dai genitori.
In questi anni di insegnamento ho sperimentato un metodo molto efficace e che nella maggior parte dei casi dà risultati immediati: i bimbi rimangono a scuola senza piangere già dopo i primi 2-3 giorni.
Ecco come si svolge "il mio inserimento":
A giugno tutto il personale della scuola incontra le famiglie, durante l'assemblea ogni insegnante si presenta, viene letto il regolamento e si proietta un filmato di presentazione della scuola dove i genitori possono anche vedere i bambini che svolgono le attività e le routine. Durante tale incontro si prendono già accordi per i colloqui individuali conoscitivi e per la festa di inizio anno.
A settembre tutte le insegnanti organizzano una festa per i più piccoli, solitamente il giorno prima dell'inizio e in tale occasione si cerca di coinvolgere genitori e bambini in una prima attività.
Appena arrivati ho consegnato a tutti, adulti e bambini, una collana con il simbolo della sezione e la scritta di benvenuto (a distanza di due anni alcuni genitori mi hanno confidato che i loro figli la conservano gelosamente vicino al proprio letto) poi abbiamo dato inizio al "laboratorio". 
Ecco che cosa ho fatto un paio di anni fa con le mie "tartarughe".



Ho costruito un trenino e tante sagome di bambino.
Durante la festa ho invitato i genitori a creare il ritratto del proprio bimbo,
insieme ai loro figli, mettendo a disposizione tanto materiale di recupero.

Il trenino è stato poi appeso in sezione ad altezza di bambino.


Questa attività ha coinvolto tantissimo i genitori ed ha permesso ai bambini di trascorrere un primo momento piacevole insieme a mamma e papà familiarizzando così con un nuovo ambiente.
Nei giorni successivi  i bimbi sono andati più di una volta ad osservare il trenino che è diventato come una sorta di oggetto transizionale fra casa e scuola.
A conclusione della festa è arrivato uno scrigno del tesoro che conteneva una sorpresa per il giorno dopo... e così tutti i giorni, per il primo mese di scuola, ho tenuto vivo l'interesse della classe e soprattutto il desiderio di venire a scuola  per scoprire cosa conteneva la "scatola magica".

13 commenti:

  1. Concordo su tutto quello che hai detto sull'inserimento e sull'importanz di questo momento anche per i genitori. Purtroppo con il mio lavoro precario spesso non posso decidere, però se mi capiteraà tengo presente l'idea del laboratorio...
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Io lavoro in una scuola privata e fino ad ora abbiamo sempre potuto portare idee e farci "un inserimento su misura". Ti auguro di poter trovare presto la tua strada professionale e soprattutto di incontrare colleghe che ti accolgano coinvolgendoti e rendendoti partecipe delle scelte educative.

    RispondiElimina
  3. mi faccio sentire...insegno in una scuola pubblica, da qualche anno.chica la conosco: frequento il suo blog e il sito. condivido tutto!!!! il tuo progetto è molto simile al nostro di scuola.

    RispondiElimina
  4. Sono contenta di poter dialogare con le colleghe e avere anche vostri suggerimenti... Un buon inserimento da' una marcia in più per gli anni a seguire!

    RispondiElimina
  5. Cara Dada, è un gran piacere poter leggere di insegnanti che progettano e pianificano nei minimi dettagli attività specifiche per questo particolarissimo momento della vita dei bambini e dei genitori che è l'inserimento. E' un momento molto delicato e cruciale, che può' condizionare molto la vita "scolastica" dei piccoli alunni. Mi piace molto l'idea del trenino e soprattutto quella di far "lavorare" i genitori coi bimbi. Troppe volte ho visto lasciare fuori dalla porta i genitori. Nella scuola dove insegnavo prima i genitori preparavano insieme ai figli delle grandi cartellette che sarebbero poi state utilizzate per metterci i disegni del laboratorio di pittura. E a fine anno era bello ricordare i primi giorni con le mamme e coi bambini.
    Complimenti per il tuo bellissimo blog! Io devo ancora capire come personalizzare il mio. A presto. isabella

    RispondiElimina
  6. per adesso sembra vada tutto bene! a giugno abbiamo fatto attività con i bambini e riunioni con i genitori. adesso , la prima riunione con i genitori è andata bene, sembra siano collaborativi e.. chi ben comincia è a metà dll'opera! lunedi inserimento scaglionato a turni alterni , 14 bambnini per giorno, venerdi tutti insieme! meno male che siamo im compresenza per due settimane!

    RispondiElimina
  7. Bellissima idea! si può pensare ad una versione 'da casa'?

    RispondiElimina
  8. per Jessica
    A casa potresti leggere il libro, ce ne sono altri simili, basta andare in biblioteca e te li sanno consigliare...
    Potresti comperare insieme al tu bimbo il grembiule, lo zainetto.... tutto ciò che serve per andare all'asilo...
    Potresti raccontare che anche tu avevi paura prima di andare alla scuola materna, che è normale essere un po' agitati... ma che poi ti sei divertita un sacco e che a casa ricevevi tante coccole dai tuoi genitori che erano felici di vederti crescere e farti tanti nuovi amici...
    Non so se era questo che mi chiedevi, spero di esserti stata utile

    RispondiElimina
  9. proprio carina come idea!!!!la proporrò alle colleghe...ciao

    RispondiElimina
  10. da settembre anche io mi troverò ad affrontare questi momenti...il tuo blog è interessante...carico di attività e trasuda di emozioni...in una sola parola...fantastico...grazie per i tuoi consigli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non mi resta che augurarti una buona partenza per una delle avventure più belle al mondo!

      Elimina
  11. ciao dada pasticciona..il mio viaggio nel posto più bello al modo è iniziato...nn ti nascondo che sono travolta da tante mozioni ma anche da ansia...la prima programmazione...la prima accoglienza...il tuo blog è ricco di spunti interssanti e...spero mi aiuti con una classe di 20 bambini di tre anni!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero anch'io di poterti essere utile. Le esperienze qui raccolte sono tutte vissute ed approvate dai bambini, i migliori giudici del nostro lavoro! In bocca al lupo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email